Partire per terre lontane canti e storie dei nostri emigranti

ORTOTEATRO presenta

italiani sbarcano in america PARTIRE PER TERRE LONTANE: CANTI E STORIE DEI NOSTRI EMIGRANTI

Racconto con immagini, musiche dal vivo e canzoni

Con Fabio Scaramucci  e Carlo Pontesilli (voce)

Fabio Mazza (musica dal vivo).

Regia: Fabio Scaramucci

“Partire per terre lontane” è dedicato alle storie dei nostri emigranti, alle loro difficoltà e conquiste.

Storie di grandi uomini. Come Giacomo Ceconi di Pielungo, cresciuto analfabeta, che progettò e costruì con la sua ditta lo scavo della galleria dell’Arlberg nel 1879 diventando conte dell’impero asburgico.

E storie di migliaia di sconosciuti.

Come il centinaio di operai di Clauzetto che tra il 1891 e il 1906 costruirono in Russia la ferrovia Transiberiana lunga 9.434 chilometri che supera montagne, dirupi, acquitrini e fiumi imponenti. In quegli anni andare in Russia era quasi una norma. Partivano muratori, tagliapietre, scalpellini, carpentieri e fabbri.

O le storie di chi, agli inizi del ‘900 si imbarcava per l’America, pieno di sogni e aspettative, che potevano essere disattese a Ellis Island, l’isola delle lacrime, da dove tanti emigranti venivano rimandati ai loro Paesi.

E poi l’Argentina…

Ma anche musica e canzoni, dalle villotte friulane a “Mamma mia dammi 100 lire”.

Destinatari: scuole superiori, pubblico adulto.

Durata 60’.

Luogo: Teatro, Aula Magna, Biblioteca oscurabile  (o spazi similari) disponibile 2 ore prima della rappresentazione.

Tempo di smontaggio 1 ora. Attacco 220V.

Date spettacoli fatti

Lascia un commento